Ferrero, Turchia mercato principale

Ferrero guarda con grande attenzione alla Turchia, che rappresenta un mercato prioritario per il gruppo italiano, soprattutto per l’approvvigionamento del principale ingrediente dei suoi prodotti, la nocciola. Da qui, infatti, arriva circa il 70% della produzione mondiale di nocciole, grazie a 500.000 piccoli coltivatori e al leader mondiale nella coltivazione, lavorazione e commercio del prodotto, Oltan Group, che è stato recentemente acquisito dalla Ferrero.

A Palazzo Venezia di Istanbul, di fronte a 150 ospiti, l’azienda italiana ha presentato il suo quinto rapporto sulla responsabilità sociale d’impresa. Tra i partecipanti, il presidente di Ferrero Turchia, Carlo Marsili, il country manager, Azmi Gumusluoglu, e il direttore approvvigionamento nocciole, Stefano Gagliasso.

Nel corso del suo intervento, l’ambasciatore italiano, Luigi Mattiolo, ha sottolineato il rilievo degli investimenti della Ferrero in Turchia, in particolare l’apertura dello stabilimento produttivo di Manisa nel 2013, evidenziando il forte contributo delle aziende italiane al progresso e alla crescita economica del Paese.

Guardando poi all’importanza degli obiettivi di sostenibilità ambientale e sicurezza alimentare, Mattiolo ha ricordato l’importante appuntamento dell’Expo, che a breve aprirà i battenti a Milano. Proprio i temi della sostenibilità delle colture e della promozione di uno stile di vita salutare sono da sempre al centro dell’attenzione del gruppo dolciario italiano che ha confermato la strategia di raggiungere 10 ambiziosi obiettivi di sostenibilità entro il 2020.

(AISE/TURCHIA)

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"