cocuk-bayrami

Il 23 Aprile di ogni anno si festeggia in Turchia la Giornata dei Bambini e della Sovranità Nazionale, meglio nota come Çocuk Bayramı (Festa dei Bambini).

La giornata fu istituita nel 1923 da Atatürk in onore dei bambini che, secondo il fondatore della Repubblica di Turchia, dovevano e devono rappresentare il futuro della nazione. Sebbene sia definita come “giornata”, i festeggiamenti durano tutta la settimana precedente il 23 Aprile.

Tra le diverse attività previste, i bambini per un giorno diventano protagonisti dello Stato, prendendo il posto dei rappresentanti delle più alte cariche come il Presidente della Repubblica, il Primo ministro, i Ministri, i Governatori provinciali e vengono chiamati a firmare disposizioni in materia ambientale ed educativa. Molte anche le iniziative private, come quella del Carnevale dei bambini che si tiene oggi a Izmir.

Negli ultimi due decenni, la Turchia ha lavorato duramente per internazionalizzate questo importante giorno. Molti Stati hanno iniziato a mandare gruppi di bambini nel paese per partecipare alle iniziative. I bambini vengono ospitati presso famiglie turche in modo tale da poter entrare in contatto con i loro coetanei turchi, avendo l’opportunità così di conoscere le reciproche culture. I bambini stranieri, inoltre, partecipano alle sessioni speciali del Parlamento, formando così una assemlea internazionale.

Quello che non tutti forse sanno è che il Çocuk Bayramı Turco è il padre putativo della Giornata Internazionale dei Bambini. La festa fu riconosciuta da parte della Conferenza Mondiale due anni dopo l’istituzione della festa da Parte di Atatürk e nel 1954 l’assemblea generale delle Nazioni Unite istituì la Giornata Mondiale dei Bambini. Di lì a pochi anni, nel 1959, fu pubblicata la Convenzione dei diritti dei Bambini.

Oggi molte sono le nazioni ad aver istituito la Giornata dei Bambini (nota anche con il nome di Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia) con diversi calendari. Ad esempio in Germania si tiene il 20 Settembre; in Irlanda e Israele, seguendo il calendario ONU, il 20 Novembre; in Giappone il 3 Marzo.

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"