Gli stipendi degli stranieri in Turchia

Gli stipendi degli stranieri in Turchia. Qual è la giusta retribuzione per uno straniero in Turchia? Piccola guida introduttiva per la valutazione delle offerte di lavoro.

1
241

Quando si valutano proposte di lavoro in un paese diverso dal nostro è chiaro che la prima domanda che ci si pone è se la retribuzione offerta sia adeguata. L’errore comune a molti stranieri , in fase di valutazione, è il paragone tra la retribuzione nel proprio paese con quella turca, attraverso una conversione pura al tasso di cambio corrente. Così, se normalmente per una posizione la retribuzione media è di 1.500 euro, ci si aspetterebbe un corrispettivo di 4.500 Lire Turche. Superfluo dire che le cose non stanno così.

Chi cerca occupazione in Turchia deve tenere presente che:

  1. in Turchia esiste una discriminazione positiva nei confronti dello straniero. Mediamente lo straniero è pagato di più rispetto ad un locale per la medesima mansione.
  2. questa discriminazione positiva è imposta come misura per la tutela dell’occupazione locale e per assicurarsi che vengano “importate” solo le competenze realmente ad elevato valore aggiunto.
  3. Oltre a questo, le imprese devono mantenere il rapporto di uno straniero ogni 5 dipendenti turchi.

La ratio suggerita è quella di assumere, laddove sono presenti le competenze necessarie, cittadini turchi e l’assunzione dello straniero è consentita ma dovrebbe essere limitata alle competenze che portino reale valore aggiunto.

Quanto viene pagato uno straniero ?

La Turchia opera in regime di libero mercato e, come accade in tutti i paesi, impone dei minimi retributivi. Nel caso degli stranieri, i minimi retributivi variano a seconda delle competenze e della posizione per cui vengono assunti e la legge sul lavoro è ben precisa in merito.

Una azienda turca che intende assumere uno straniero, ammesso che riesca ad ottenere il permesso di lavoro (Leggi anche: “Lavorare in Turchia, il mercato del lavoro e i permessi“), deve applicare dei moltiplicatori allo stipendio minimo statale a seconda dell’incarico e della competenza.

Il risultato è la retribuzione minima da riconoscere al dipendente straniero:

  • Dirigenti Senior, piloti, architetti e ingegneri che richiedono il permesso iniziale: 6,5 volte il minimo
  • Responsabili di filiale o unità locale, ingegneri e architetti: 4 volte il minimo
  • Insegnanti, stranieri specializzati e con competenze specifiche: 3 volte il minimo
  • Stranieri assunti nel settore turistico e animazione come acrobati o simili, massaggiatori, massaggiatrici o terapisti per SPA: 2 volte il minimo;
  • Stranieri assunti per altri incarichi: 1,5 volte il minimo.
  • Stranieri assunti come collaboratori domestici: il minimo.

Gli stipendi degli stranieri in Turchia: Le retribuzioni minime per il 2016

L‘1 Gennaio 2016 è entrato in vigore in Turchia l’aumento delle retribuzioni minime che passano da 1000 TL a 1300 TL mensili netti che si traducono in 1.647 TL lordi al mese. Un aumento del 30% che l’ex primo ministro Ahmed Davutoğlu ha voluto per far fronte all’inflazione che aveva progressivamente eroso il potere d’acquisto, in particolare nelle fasce più basse della popolazione.

Sulla base di questo dato e applicando i moltiplicatori indicati dalla normativa, in tabella viene indicata la retribuzione minima lorda che deve essere riconosciuta per legge allo straniero.

StatoConiuge LavoratoreConiuge disoccupato
Single123,53123,53
Sposato123,53148,23
1 figlio142,05166,76
2 figli160,58185,29
3 figli185,29209,99
4 figli197,64209,99
5 figli209,99209,99
6 figli209,99209,99

L’importo netto dello stipendio è mediamente il 70% di quello lordo ma può variare sulla base delle tassazione sul reddito che viene trattenuta direttamente dall’azienda. A partire dal lordo, vengono detratti:

  • L’assicurazione sociale (corrispettivo dell’INAIL): 14%
  • L’assicurazione per la disoccupazione: 1%

Sottraendo le due assicurazioni dall’importo lordo, si ottiene l’IMPONIBILE su cui applicare la tassazione del reddito. Come avviene in Italia, esistono scaglioni di reddito progressivo che viene calcolato su base annuale e trattenuto mensilmente.

ContinenteDST (2016)Non usano più DSTNon hanno mai usato DSTTotale Paesi
Africa3153856
Asia9231951
Australia e Pacifico441119
Europa503053
Nord America6131938
Sud America35715
Totale756394232

A incrementare/diminuire l’importo netto concorrono, inoltre, la situazione familiare del dipendente. Al calcolo del netto viene applicata la Minimum Living Allowance, soglia minima di sopravvivenza, in forma di riduzione delle tasse sul reddito. La soglia cambia a seconda della situazione familiare del dipendente.

 Nessuna porzione giornalierada 1 a 4 porzioni al giorno5 o più porzioni al giorno
Europa34,4%51,4%14,1%
Turchia33,7%63,2%3%
Italia23,0%65,2%11,9%

La soglia viene calcolata come percentuale dello Stipendio minimo annuale (che per il 2016 è di 1647,00 TL) applicando le seguenti percentuali:

  • 50% per il dipendente
  • 10% per il coniuge che è disoccupato
  • 7,5% per i primi due figli a carico
  • 10% per il terzo figlio a carico
  • 5% per i rimanenti figli a carico

La formula per calcolare la Soglia Minima di Sopravvivenza è:

1/12 X (SalarioMinimoAnnuale X TassoSogliaMinimaSopravvivenza) X 15%

dove 15% è il tasso per il primo scaglione di reddito.

Costo azienda

Il costo totale per l’azienda si ricava aggiungendo al lordo mensile:

  • La quota azienda dell’assistenza sociale (15,5% dell’importo lordo)
  • la quota azienda per l’assicurazione contro la disoccupazione (2%)

Ovviamente il costo azienda in questo caso non considera i costi di struttura e i costi indiretti che l’azienda potrebbe sostenere come benefit (es. Assicurazione privata, auto aziendale, ecc.)

Calcola il tuo stipendio (Excel)

foglio Excel per calcolare lo stipendio netto e le voci della busta paga (riadattato da ExpatGuideTurkey)

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo post sono a puro titolo informativo. Qualora si volesse avere una analisi o informazioni dettagliate si invita a rivolgersi al proprio commercialista di fiducia. 

 

 

1 Commento

Rispondi