Turismo Izmir - record di crescita dell'Italia
Image Credit: http://www.izmircvb.org.tr/

Cresce il turismo italiano ad Izmir. Secondo i dati diffusi dalla Direzione della Cultura e del Turismo di Izmir, nel 2013 sono stati 152.000 gli Italiani che da Gennaio a Dicembre sono venuti nella perla dell’Egeo, con un incremento dell’11,23% rispetto lo stesso periodo dello scorso anno. In questo modo l’Italia si colloca al primo posto per crescita e al secondo posto per numero assoluto di arrivi.

Secondo i numeri forniti, infatti, la Germania è ancora il paese con il flusso maggiore di turisti, contando 357.303 arrivi. Rispetto all’anno precedente, tuttavia, il numero di tedeschi è sceso dello 0,66%. Questo sarebbe dovuto ad un aumento dei tedeschi che non si fermano nella città.

Con 125.429 arrivi ed una cresita del 2,16%, i Francesi si collocano al terzo posto mentre gli Inglesi, che sono arrivati in 112.699, hanno fatto registrare una crescita del 2,83% e si classificano al quarto posto in termini assoluti.

Il Turismo a Izmir nel 2013

In complesso il numero di turisti nel 2013 è stato di poco meno di 2 milioni, di cui 1.407.240 stranieri. Il turismo straniero ha segnato una crescita del 2,8% rispetto al 2012.

Relativamente alle modalità di arrivo, il 2013 sarà ricordato come l’anno dell’aria. Infatti gli arrivi con aereo sono creciuti del 75%, per un totale di poco superiore alle 874 mila unità. Tanto che il vice presidente dell’Unione degli  Albergatori e Operatori Turistici di Izmir Uğur Şahbaz ha dichiarato che “nel 2013 a Izmir i tursiti  sono caduti dal cielo”. Gli arrivi via mare, invece, sono stati 533 mila con un incremento del 7,95%.

Continua anche la crescita delle navi da Crociera che passano per Izmir. Le 198 navi che nel 2013 si sono fermate al Porto di Alsancak, hanno fatto transitare oltre 480.000 stranieri, con un incremento del 2,7%.

Nonostante i numeri siano nettamente positivi, l’Unione degli Albergatori e degli Operatori Turistici (ETİK) lamenta ancora una insufficienza dei flussi turistici e di una non adeguata offerta turistica, soprattutto in considerazione del patrimonio culturale e ricreativo che Izmir può offrire.

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"