La Turchia, nonostante la propria vicinanza a paesi produttori di petrolio come Iran ed Iraq e nonostante abbia una ampia produzione di carbone, è un paese fortemente dipendente dall’importazione di energia. Basti pensare che nel 2012 il 71% del fabbisogno energetico era soddisfatto attraverso l’importazione di Gas dalla Russia e di Petrolio dai paesi confinanti, e la produzione di energia elettrica si attestava al 15% del fabbisogno.

Per questo motivo, a partire dal 2006 e con un forte aumento dal 2010, sono incrementati gli investimenti in Energie Rinnovabili. Nel 2006 il Paese produceva 19 megawatt da rinnovabili. Quantità salita a 2.956 Mw nel 2013, rappresentando il 2,5% del totale di energia da fonti rinnovabili prodotta in Europa e destinata, nel 2015, a salire ulteriormente e posizionare la Turchia tra i primi 10 paesi in Europa.

Izmir, partia dell’Eolico

Le due fonti maggiormente utilizzate sono l’eolico, nelle regioni di nord ovest, e il solare, in quelle a sud del Paese. Le zone di maggiore produzione di energia dal vento sono l’Egeo e Marmara ed Izmir, assieme a Balıkşehir e Manisa, rappresenta il centro di maggior produzione. A rendere così idonea la Regione è la sua conformazione geografica ed il posizionamento tra mare e montagna. La conformazione montuosa, infatti, crea dei corridoi attraverso cui si incanala il vento aumentando la forza e, quindi, la capacità di produzione.

Un impianto eolico su quattro in costruzione in Turchia, infatti, si trova ad Izmir (Smirne). Secondo i dati dell’Associazione Turca per l’Energia Eolica (TÜREB),  già oggi nellla Regione Egeo si producono circa 1300 megawatt di energia dal vento,  che rappresenta il 38% della produzione nazionale da energie rinnovabili. Attualmente nella regione è in corso la realizzazione di nuovi impianti che dovrebbero incrementare la produzione di ulteriori 560 Megawatt. Di questi, 311 megawatt saranno prodotti proprio ad Izmir, che già oggi genera 613 megawatt.

Secondo il Presidente di TÜREB, Mustafa Serdar Ataseven, il totale della produzione da energia eolica in Turchia dovrebbe attestarsi entro l’anno a 4.000 megawatt sui 68.000 annualmente generati dal Paese, posizionando la Turchia tra i primi 10 paesi in Europa per la produzione di energia eolica.

I mulini a vento di Alaçatı

L’importanza del vento nella storia della regione è ben visibie visitando paesi come Alaçati, collocata a pochi chilometri da Izmir, e meta per gli amanti del windsurf e kitesurf, dove sono ancora visibili i numerosi multini a vento utilizzati per macinare il grano e l’uva, essendo questa zona famosa anche per i suoi vigneti.

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"