Il 30 Giugno scade il termine entro il quale, se si risiede da più di sei mesi, si potrà guidare in Turchia con la patente Italiana. Abbiamo cercato le risposte alle domande più frequenti che ci vengono poste.

guidare-in-turchia

Come abbiamo già avuto modo di annunciare, l’1 gennaio 2016 è entrato in vigore il nuovo codice della strada di cui l’articolo 88 fissa a sei mesi la validità per la circolazione in Turchia delle patenti emesse dalle autorità estere.

Questo significa che, dal momento dell’ingresso nel paese, si potrà guidare in Turchia con la patente Italiana per un limite massimo di 6 mesi, trascorsi i quali è obbligatoria la conversione della patente Italiana in patente turca.

Data l’entrata in vigore della legge al 1 Gennaio di quest’anno, per chi ha fatto il proprio ingresso in Turchia prima di questa data, ossia entro il 31 Dicembre 2015, senza mai uscire successivamente, il nuovo regolamento estende la validità della patente estera sino al 30 Giugno 2016. Dopo questa data, qualora non si sia provveduto alla conversione della patente Italiana in Patente Turca e nel caso di essere trovati alla guida in possesso di una patente non convertita, il conducente sarà soggetti a sanzioni.

Guidare in Turchia in 8 domande (e risposte)

  1. Chi deve convertire la patente ?
  2. E’ necessario sostenere nuovamente esami di guida?
  3. Ho la residenza in Turchia, ma spesso viaggio all’estero per cui non supero mai i 6 mesi di permanenza. Devo comunque convertirla ?
  4. Cosa succede alla mia patente italiana ?
  5. E se devo tornare in Italia, posso guidare con la patente Turca ?
  6. Come faccio se ritorno definitivamente in Italia ?
  7. Quali documenti sono necessari per la conversione della patente Italiana in patente Turca ?
  8. Dove si trova l’ufficio di competenza ?

NB: Sebbene siano state tratte da fonti ufficiali, queste informazioni sono fornite a puro scopo indicativo. Si consiglia di fare riferimento sempre agli organi competenti per eventuali aggiornamenti.

1) Chi deve convertire la patente ?

Tutti coloro che risiedono da più di 6 mesi nel paese. La conversione è obbligatoria, previe sanzioni qualora si sia trovati alla guida in possesso di una patente non convertita.

2) E’ necessario sostenere nuovamente esami di guida?

No, la conversione della patente è un atto puramente amministrativo. Pertanto non sarà richiesto di sostenere un esame teorico e/o di pratica per la conversione.

3) Ho la residenza in Turchia, ma spesso viaggio all’estero per cui non supero mai i 6 mesi di permanenza. Devo comunque convertirla ?

La questione è molto controversa e la legge non contempla questo scenario. Tecnicamente sarebbe possibile far ripartire i 6 mesi ad ogni ingresso. Tuttavia, come detto, non è chiaro se questo scenario funzioni o meno. Il consiglio che possiamo dare è di non fidarsi di questa possibilità, in particolare se si è proprietari di un’auto acquistata in turchia.

4) Cosa succede alla mia patente italiana ?

La patente italiana viene ritirata dalle autorità turche al momento della richiesta di conversione e viene spedita alla motorizzazione competente in Italia e sostituita con una patente turca di pari categoria.

5) E se devo tornare in Italia, posso guidare con la patente Turca ?

Si, è possibile guidare con la patente Turca per brevi soggiorni. Il Consolato d’Italia a Izmir fa sapere che è sufficiente munirsi della traduzione ufficiale della patente di guida da esibire a richiesta degli organi di sicurezza italiani.

6) Come faccio se ritorno definitivamente in Italia ?

Si potrà guidare con la patente Turca sino ad un massimo di un anno dalla data di rientro, dopodiché la patente Turca andrà sostituita con una Patente Italiana che sarà rilasciata per una categoria non superiore a quella originaria.

7) Quali documenti sono necessari per la conversione della patente Italiana in patente Turca ?

I documenti da presentare per la richiesta di conversione sono i seguenti:

  • originale e fotocopia della patente di guida;
  • traduzione della patente, autenticata dal notaio oppure dai consolati;
  • fascicolo patente di guida (formulario da richiedere presso la Camera degli Autisti);
  • documento di riconoscimento (Passaporto, Permesso di Soggiorno, Kimlik per i possessori di doppia cittadinanza);
  • certificato medico per la patente di guida (certificato attestante che l’interessato può guidare; deve essere munito di fotografia; può essere richiesto al medico di famiglia, ad un ospedale statale, oppure a strutture sanitarie private delegate dalla Direzione Sanitaria Provinciale);
  • ricevuta dei pagamenti necessari effettuati presso le banche convenzionate oppure presso gli uffici delle tasse (imposta per la patente, costo stampato a valore e costo servizio);
  • 2 foto tessere (5×6 cm, a sfondo bianco, biometrico);
  • certificato o autocertificato attestante il gruppo sanguigno.

8) Dove si trova l’ufficio di competenza ?

ANKARA

Ufficio Patenti della Direzione della Pubblica Sicurezza
Mevlana Blv Konya Yolu Üzeri İskitler/Yenimahalle (Ankara Emniyet Müdürlüğü)

Telefono: 03123035916 (Ehliyet Büro Amirliği); 03123035925 (Centralino)

Email: trafiktescil@ankara.pol.tr

ISTANBUL

Trafik Tescil Şube Müdürlüğü,

Prof. Dr. Bülent TARCAN Cd. No:7

Gayrettepe/İSTANBUL

Tel: 0 212 214 40 00


IZMIR

TRAFIK TESCIL SUBE MUDURLUGU

Gaziler Cad. No.:189 K:Z-1 Yenisehir / Konak / IZMIR

Tel: 0232 489 05 00

Hai qualche altra richiesta ? Scrivici

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"