pazar

Solo il 3% della popolazione turca consuma più di 5 porzioni di frutta e verdura al giorno.

Ad evidenziarlo sono i risultati della European Health Interview Survey (EHIS) promossa dalla Unione Europea per monitorare il consumo di vegetali tra i paesi membri.

I dati dell’indagine, che ha interessato la popolazione con più di 15 anni residente all’interno di ciascun paese, sono stati aggregati secondo tre livelli di consumo:

  • Nessuna porzione al giorno
  • da 1 a 4 porzioni al giorno
  • 5 e più porzioni giornaliere.

Se, come detto, solo il 3% della popolazione turca consuma più di cinque porzioni giornaliere, va molto meglio se si considera la fascia intermedia (da 1 a 4 porzioni al giorno).

In questo caso la Turchia si posiziona al quinto posto con il 63,20% della popolazione dichiara di consumare da 1 a 4 porzioni al giorno di frutta e verdura dopo il Belgio (71,20% ), Slovenia (65,50%), Croazia (65,50%) e Italia (65,20%).

DaACollegamenti settimanali (pianificati)Collegamenti Settimanali (Inverno 2016)Note
Istanbul AtatürkBari43Modifica
Istanbul AtatürkCatania75Modifica
Istanbul AtatürkNapoli107Modifica
Istanbul AtatürkRoma43Modifica
Istanbul S. GökçenMilano Malpensa75Modifica
Istanbul S. GökçenRoma75Modifica
Istanbul AtatürkGenova40Cancellato
Istanbul AtatürkPisa50Cancellato
Istanbul S. GökçenVenezia40Cancellato

Consumo frutta e verdura e livello di istruzione

A livello aggregato, i dati raccolti dall’indagine hanno messo in evidenza una correlazione tra il consumo di frutta e verdura e il livello di istruzione.

La media europea, infatti, mostra che la percentuale della popolazione che consuma almeno cinque porzioni di frutta e vedura quotidianamente aumenta all’aumentare del livello di educazione.

Se infatti il 12,1% di chi ha un livello di istruzione basso consuma almeno cinque porzioni, la percentuale sale al 12,8% e al 18,8% rispettivamente per chi ha un livello medio o alto di istruzione. Nel dettaglio, tuttavia, se in UK questa differenza è più marcata (basso: 24,9%; medio: 30,7%; alto: 40,5%), per la Turchia è praticamente nulla, anzi diminuisce nel livello di istruzione medio per aumentare nuovamente tra la popolazione con livello alto di istruzione (basso: 3,3%; medio: 2,4%; alto:3,9%). Un comportamento molto simile si registra anche in Italia dove, tuttavia viene mantenuta una progressione lineare in linea con quella europea (basso: 11,1%; medio: 11,8%; alto: 15,3%).

Grado di IstruzioneTuristi Turchi all'estero
Senza istruzione233.648
Scuola elementare1.329.398
Scuola Media746.280
Liceo2.416.427
Laurea2.959.415
Post Laurea o Dottorato557.730
N/D507.953
Totale8.750.851

Secondo i dati dell’Unione degli Esportatori del Mediterraneo, a Settembre il commercio verso l’estero di frutta e verdura in Turchia è stato pari a 206.852,829 tonnellate, con un incremento del 26% rispetto allo stesso mede del 2015. L’Italia si classifica al diciannovesimo posto tra i paesi di destinazione di frutta e verdura fresca con 1.483 tonnellate di merce acquistata e al dodicesimo posto per l’importazione di agrumi.

Questo articolo puoi leggerlo gratuitamente grazie al supporto che ci viene dato dai nostri lettori. Sostieni anche tu Il Nuovo Levantino. Fai una donazione.

Rispondi