EXPO 2015 Smirne. Izmir (Smirne) é stata la città che ha conteso sino all’ultimo l’EXPO 2015 alla città di Milano. A distanza di anni, Il Fatto Quotidiano, alla luce degli scandali di corruzione che hanno interessato l’organizzazione di Milano,  ritorna nella Perla delL’Egeo per capire cosa è successo dopo la “sconfitta” e l’assegnazione dell’Expo alla città Italiana. Ne esce che Izmir, nonostante non abbia vinto la competizione, ha continuato il proprio sviluppo portando a compimento gran parte dei progetti che aveva pianificato.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

di Thomas Mackinson

Pubblicato il : 19 Maggio 2014
Il Fatto Quotidiano

E’ la città cui l’Italia ha soffiato l’occasione dell’Esposizione Universale. Ma la perla dell’Egeo, anche senza la pioggia di milioni, in sette anni ha realizzato le opere del dossier di candidatura: aeroporti, porti, autostrade, università. Tanto che il suo rating è superiore a quello di Milano. E perfino in mezzo alla tragedia di Soma, c’è chi dice: “L’Italia non meritava questa figuraccia planetaria”

C’è l’aeroporto nuovo di zecca da sette milioni di passeggeri. Il porto allargato, la nuova autostrada per Ankara, 96 km di metropolitana e ben nove università. Tutto, rigorosamente, no Expo. A duemila chilometri da Milano in questi giorni c’è poco da ridere dopo la strage di Soma, con gli operai intrappolati nella miniera a mezz’ora d’auto da Smirne. Ma ai turchi non è sfuggito quanto accaduto in Italia, l’inchiesta su tangenti e appalti che ha azzerato i vertici Expo e rischia ora di far naufragare l’evento che sette anni fa han perso, per una manciata di voti, a favore di Milano. La notizia li ha riportati al 31 marzo del 2008, quando la città sull’Egeo fu sconfitta dalla superiore attività di lobbying dell’Italia, che non risparmiava nulla per ottenere il voto degli ambasciatori dell’Unesco: ambulanze, trattori e orologi compresi.

Quanto sta accadendo ora, a sette anni di distanza, per molti è una sorta di rivincita. Non tanto sul piano morale, che pure la Turchia ha le sue beghe di corruttela e tanta strada da fare sulla tutela dei diritti. E tuttavia un dato è ineludibile: mentre la Milano che ha vinto è rimasta al palo, tra ritardi e tangenti, Smirne “la sconfitta” è andata avanti, realizzando da sola gran parte degli investimentiche si era prefissata nel 2008, senza i fondi che sarebbero arrivati dal governo centrale di Ankara. E ha avviato una stagione di nuova e sorprendente prosperità. Lo spread tra Smirne e Milano, del resto, era emerso subito. Dopo l’aggiudicazione, di fronte all’impasse milanese segnata da conflitti politici sull’asse Roma-Milano, più volte si è ipotizzato di “cedere” l’evento alla seconda classificata. Il sindaco Azız Kocaoglu, oggi alla miniera per coordinare i soccorsi, già nel 2008 profetizzava: “Perché mai gli Stati dovrebbero scegliere Smirne? Perché è una città che vuole e può crescere, rispetto a chi il proprio cammino verso lo sviluppo lo ha già percorso da un pezzo e faticherà ad andare oltre”. Ecco la nuova Izmir, allora, un punto geografico non banale nella cartografia dei ragionamenti sulla necessità dell’Expo.

Continua a leggere su Il Fatto Quotidiano: http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/05/19/expo-ritorno-a-smirne-cosi-la-rivale-sconfitta-da-milano-ha-vinto-la-sua-sfida/987983/ 

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"