“Taşlar Yerine oturiyor” (letteralmente “Siede nel luogo delle pietre”) è il titolo del ciclo di conferenze organizzate dall’Accademia del Mediterraneo del Comune di Izmir sulla storia e l’archeologia che oggi, alle 18.00 presso il Kulürpark Gençlik Tiyatrosu (Teatro della Gioventù a Kültürpark), esaminerà il sito archeologico e la storia di Bergama. Relatori dell’incontro saranno il Prof. Felix Pirson, direttore degli scavi di Pergamon, e il Dr. Akın Erosy, vice direttore degli scavi di Smyrna. Durante la conferenza si parlerà delle ultime scoperte effettuate durante gli scavi della città antica, tra cui il Tempio degli Dei d’Egitto, affrontando i rappporti della città con il territorio, la rete dei trasporti e le nuove informazioni ottenute.

Bergama, l’antica Pergamon

Bergama è un distretto della provincia di Izmir e rappresenta uno dei più importanti distretti in termini di popolazione con un elevato tasso di urbanizzazione, che supera il 50%.

Nell’antichità il suo ruolo è stato quello di città della Cultura. Il suo nome deriva dall’antico greco Pergamon ed è noto per essere stato il luogo della imponente Biblioteca, contenente le oltre 2.000 pergamene donate come regalo di nozze da Marco Antonio a Cleopatra. Proprio in questa città, secondo Plinio il Vecchio, fu adottata per la prima volta la Pergamena come supporto alla scrittura in sostituzione del Papiro, quandol’Egitto ne sospese l’esportazione nel II secolo a.c. a causa della rivalità tra il sovrano egiziano Tolomeo V Epifane (204180 a.C.) ed il re di Pergamo Eumene II (196158 a.C.). La biblioteca di Pergamon, per le sue dimensioni, infatti, rivaleggiava fortemente con quella di Alessandria come la più importante biblioteca del mondo antico.

Biblioteca di Pergama
Biblioteca di Pergama

Altro riferimento importante di Bergama (Pergamon) è l’Altare di Zeus che oggi interamente conservato al Pergamon Museum di Berlino. Dell’altare, rimane nell’acropoli solo il perimetro ai cui centro si colloca un enorme albero ad indicare il luogo dove esso era collocato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Oltre alla biblioteca, sempre nel terzo secolo avanti cristo, fu realizzato un teatro in grado di ospitare 10.000 persone e, disposto a ridosso della collina dell’acropoli, appena sotto la biblioteca, è considerato tra i più alti al mondo. Resta impresso nella memoria poichè scavato nelle scoscese pendici della montagna alla quale sembra aderire come una conchiglia. La cavea è piuttosto stretta ma altissima, ed è composta da 80 ordini di gradini in forte pendenza, che si estendono su 50 m di altezza.

Teatro di Pergama

2 Commenti

  1. […] Bergama, un gateway per la storia con il suo patrimonio culturale e la ricchezza inserito come “paesaggio culturale mult-livello”, era conosciuto come Pergamo in tempi antichi ed è considerato uno dei centri più importanti per la cultura e le arti del periodo ellenistico. Pergamo era un importante centro di apprendimento nel mondo antico e sede di una delle più grandi biblioteche del periodo ellenistico; così è stato elencato nella categoria di ‘paesaggio culturale’. La città contiene diversi livelli che vanno dal periodo ellenistico, a quello romano, a quello romano orientale fino all’ottomano, mentre l’antica Pergamo si compone di nove siti tra cui l’Acropoli, sette tumuli o tumuli funerari e la roccia intagliata dedicata a Kybele. […]

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"