8 agosto. Giornata Nazionale del Sacrificio del lavoro italiano nel mondo

Pubblichiamo con piacere la lettera del Ministro degli Affari Esteri, Paolo Gentiloni, in occasione della Giornata nazionale del sacrificio del lavoro italiano nel mondo. La giornata fu istituita in memoria della tragedia di Marcinelle, in Belgio, che avvenne proprio la mattina dell’8 agosto 1956 nella miniera di carbone Bois du Cazier dove morirono 262 delle 275 persone presenti di cui 136 erano Italiani. Fu l’incidente che causò il maggior numero di vittime tra gli Italiani in tempo di pace.

“L’8 agosto si ricorda la “Giornata nazionale del sacrificio del lavoro italiano nel mondo”, rendendo così indelebile, nella memoria del nostro Paese, la commemorazione dei 136 italiani che persero la vita a Marcinelle, così come di tutti gli italiani emigrati vittime di incidenti sul lavoro.

La commemorazione dei nostri connazionali caduti sul lavoro ripropone la centralità del lavoro quale motore insostituibile della vita di ogni singolo individuo: la nostra Costituzione, sin dal primo articolo, fa del lavoro un principio cardine del nostro sistema sociale e fondamento stesso della Repubblica.

L’attuale contesto economico europeo e le difficoltà vissute in questi anni dal progetto di integrazione rendono oggi il lavoro e la promozione dell’occupazione una sfida fondamentale a cui Stati membri e Istituzioni comunitarie non possono sottrarsi.

La tragedia di Marcinelle deve ricordare a tutte le Istituzioni, nazionali ed europee, che l’impegno comune per garantire a tutti i cittadini del continente migliori opportunità di lavoro e garanzie di sicurezza resta un obiettivo irrinunciabile del nostro sistema politico-economico.

Il ricordo di Marcinelle, tragedia del lavoro, ci fa inevitabilmente pensare al grande dramma dei nostri giorni, quello dei migranti nel Mediterraneo, spinti come i nostri emigranti dalla ricerca di un futuro migliore lontano dalle proprie radici, dalla propria casa, dai propri affetti. Anche in questo caso l’Europa è chiamata a dare una risposta comune ad un fenomeno che non può e non deve essere motivo di divisione, e contrasto, ma deve trasformarsi in un momento di riflessione che ci consenta di riaffermare l’autentico spirito di condivisione alla base dell’avvio del processo di integrazione europea.

Il dolore e la commozione non possono però farci dimenticare l’ammirazione per le nostre comunità all’estero, da sempre capaci di rialzarsi con coraggio, anche dopo tragedie come quella di Marcinelle: esse sono state e sono esempio di tenacia, operosità e onestà nei Paesi ospiti e sono motivo di orgoglio per tutti noi.”

Paolo Gentiloni

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"